Crescente avversione al rischio favorisce safe haven

Sul mercato dei cambi negli ultimi giorni è stato possibile assistere a una variazione dei principali rotazione dei driver di mercato, con una crescente avversione al rischio che sta influenzando gli operatori come conseguenza dell’inattesa discesa dei listini azionari. Ne è conseguito che le valute rifugio che si sono avvantaggiate rispetto a quelle più speculative e lo yen, che stazionava fino a due giorni fa a 110 contro dollaro, si è rafforzato col cambio in discesa in area 109. La valuta nipponica – tradizionale safe haven valutario – appare in rialzo anche contro euro ma meno che contro dollaro, restando in area 135.

Poco mosso invece l’euro/dollaro, che scambia in area 1,24, prima di essere sceso fino a 1,2350. La sterlina resta forte in vista del meeting Bank of England che è previsto per domani, giovedì, in cui verranno pubblicati anche i dati relativi all’Inflation Report e in cui il Governatore Carney farà il punto sulla situazione economica in virtù dei progressi sulla Brexit. Uno scenario fortemente improntato sulle speranze di soft Brexit dovrebbe permettere un recupero più strutturale della valuta britannica.

Passando alle materie prime, si osservi come il ribasso dei listini azionari abbia aggravato le pretsazioni delle quotazioni petrolifere, con WTI e Brent che sono in calo, rispettivamente a 63,5 e 67 dollari al barile. In generale, tutte le commodity risentono dell’avversione al rischio sui mercati e dei dubbi sulla crescita, visto il ribasso delle borse e la forza del dollaro, che rende meno convenienti i derivati sulle principali materie prime. L’avversione al rischio sta invece premiando asset come oro e argento, beni rifugio, in salita moderata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi