La difficile situazione del Parma

parma calcioLa società del Parma sta vivendo un momento alquanto complicato in cui purtroppo i risultati centrano ben poco. Sicuramente la squadra è a rischio retrocessione, ma a preoccupare di più i tifosi è la situazione societaria e finanziaria. Dopo il susseguirsi di diversi presidenti, ora sembra essere arrivato il momento giusto per risalire la china, la società è passata nelle mani di Giampietro Manenti, divenuto il nuovo proprietario e presidente della squadra del Parma. Questa volta c’è l’intenzione di non fare dei falsi proclami e quindi illudere ancor di più la squadra e soprattutto i tifosi, Manenti è pronto a prendersi tutte le responsabilità del caso con l’imminente mossa di pagare gli stipendi ai calciatori, che ormai da mesi non lo percepiscono e soprattutto, cosa molto importante, pagare le tasse.

C’è a tal proposito una scadenza per il 20 febbraio che il presidente Manenti ha tutte le buone intenzioni di rispettare e c’è già stato un colloquio con i calciatori che non hanno chiesto di percepire lo stipendio, quanto piuttosto  hanno la speranza che la società si rimetta in sesto in fretta, che resta al momento la cosa più importante da fare. Si respira quindi aria di ottimismo da parte dell’entourage del Parma, inoltre c’è stato un risparmio notevole, di circa 20 milioni, per la vendita di alcuni calciatori e la rescissione del contratto di Cassano che risultava il calciatore più costoso, e per certi versi bizzarro, per il Parma. Ora sembra finalmente che si siano gettate le giuste basi per un nuovo inizio, Manenti sembra essere un presidente serio che ha realmente a cuore le sorti del club gialloblu. Nei prossimi giorni si capirà effettivamente se quest’ennesimo cambiamento sia stato positivo e se ci saranno nuovi sviluppi che daranno fiducia a tutto l’ambiente.

 

Sulla situazione del Parma e su quella di altre squadre della serie a potrai trovare altri approfondimenti sul blog Scommettendo.net.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi