La Luna? È “figlia” della Terra…

Secondo quanto afferma una rivoluzionaria ricerca condotta dai ricercatori di Harvard, fino a 4,5 miliardi di anni fa la Luna non esisteva. E il motivo sarebbe incantevole: il nostro satellite si è infatti originato proprio dalla Terra a seguito di uno scontro del Pianeta con un corpo celeste della grandezza stimata pari a quella di Marte. L’impatto ha dunque lanciato in orbita dei frammenti di Terra, poi divenuti il nostro odierno satellite.

E così, dopo oltre quarantanni dalle prime ipotesi in tal materia, forse si è finalmente giunti alla tesi esatta sull’origine della Luna. Fino ad oggi, l’ipotesi accreditata dagli scienziati è che a generare il satellite fu proprio il forte impatto di un corpo che ha lanciato in orbita le polveri terrestri, poi aggregatesi proprio a causa della forte gravità terrestre.

Per supportare tale ipotesi con dati più concreti, i ricercatori di Harvard hanno prodotto alcune approfondite analisi degli isotopi, che rappresentano una sorta di “impronta digitale” unica per ogni pianeta, la cui osservazione ha confermato che Luna e Terra hanno tracce di isotopi quasi identiche.

La nuova osservazione da parte dei ricercatori dell’Università di Harvard e Washington, coordinati dal Professore kun Wang, è stata resa possibile grazie ad alcuni campioni di roccia lunare che sono stati portati sulla Terra dalle numerose missioni compiute all’interno del programma Apollo, e che è dunque la leva per poter fare nuove scoperte grazie ai progressi tecnologici consolidati nel corso degli ultimi anni. Le evoluzioni tecnologiche a disposizione – sicuramente indisponibili, invece, negli anni ’70, agli albori di questa tecnologia – hanno pertanto reso possibile l’analisi più approfondita delle componenti dei campioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi