Migliora il Pil dell’area euro

Stando agli ultimi aggiornamenti statistici forniti dall’Eurostat, nel corso del primo trimestre del 2017 la stima finale del prodotto interno lordo dell’area euro ha visto una revisione al rialzo di un decimo di punto percentuale. Sulla base di quanto ora avvenuto e riscontrato, pertanto, il PIL del primo trimestre chiude a quota 0,6 per cento trimestre su trimestre da 0,5 per cento trimestre su trimestre.

Per quanto concerne i motivi che hanno condotto a una simile evoluzione del dato, l’Eurostat spiega come la revisione sia determinata principalmente dal contributo della domanda interna che è stato rivisto al rialzo di un decimo a 0,5 punti percentuali contro il precedente dato di 0,4 punti percentuali, grazie agli investimenti che passano a 1,3 per cento trimestre su trimestre da 0,8 per cento trimestre su trimestre.

Di contro, emerge come il contributo delle esportazioni nette sia stato confermato a 0,1 punti percentuali, mentre le scorte sono state riviste a 0,1 punti percentuali rispetto al contributo nullo della stima precedente.

Alla luce di quanto sopra riassunto si può dunque elaborare come la variazione annua sia migliorata a 1,9 per cento contro il precedente dato di 1,7 per cento.

E per quanto concerne il secondo trimestre dell’anno. Per il quarto attualmente in corso gli analisti si attendono un dato di crescita economica sostanzialmente stabile, o comunque compreso tra 0,5 punti percentuali su trimestre e 0,6 punti percentuali su trimestre. Ad ogni modo, la crescita economica più forte durante la prima fase dell’anno e le indicazioni di proseguimento della fase di espansione solida dell’economia euro zona lasciano le stime area euro al 2,0 per cento nel 2017. Vedremo se, con i dati del secondo trimestre, una simile progressione sarà o meno oggetto di conferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *