Provider, modem router e gestione linea

modem routerSe si vuole navigare velocemente in internet, si avrà bisogno di due elementi:

  • un buon provider ovvero colui che fornisce il segnale internet, in pratica il gestore della linea, quindi: TIM, Vodafone, Wind etc….
  • un valido modem router WiFi

Quando si discute di connessioni, provider, WiFi e altri termini che attengono a questo mondo, occorre avvere a propria disposizione una serie di parole che rappresentano un bagaglio senza il quale non si può comprendere di cosa si parla e sensa queste parole non si è nemmeno in grado di fare una scelta idonea alle proprie esigenze.

Ecco qui alcune definizioni che devi conoscere:

  1. Velocità wireless. Questa indica la velocità per la quale e grazie alla quale, il modem trasferisce i dati. I dispositivi modem più avanzati suddividono la velocità su diverse bande.
  2. Parental control. È una tecnologia che permette ai genitori di impiegare delle regole utili a limitare l’accesso dei bambini a specifici siti internet.
  3. Porte USB. Queste porte vanno a condividere con altri dispositivi, esempi ne sono le stampanti.

I modelli di modem

Sempre guardando all’acquisto che effettuerai, anche in questo caso occorre distinguere tra i modelli disponibili in commercio, prima di tutto dovrai osservarne le caratteristiche, per poi effettuare delle distinzioni basilari. Si tratta pur sempre di scegliere il dispositivo che ti permetterà di collegarti ad internet quindi è un acquisto particolarmente importante.

Il modem va a collegarsi alla rete attraverso il cavo di rete telefonico. In aggiunta tale dispositivo essendo WiFi va a distribuire il segnale ad un numero vario di dispositivi senza necessità di un collegamento che preveda cavi. Se comunque vuoi collegare attraverso dei cavi i tuoi dispositivi, potrai comunque farlo.

Le caratteristiche di un modem WiFi

Un modem router WiFi ha specifiche caratteristiche che dovrai conoscere, innanzitutto le porte utilizzabili nel dispositivo, come detto puoi non impiegarle ma qualora lo facessi le avrai a tua disposizione.

I modem router più recenti hanno porte USB utili a collegare ad internet dispositivi elettronici esterni come lo sono le stampanti o degli hard disk. In aggiunta alle porte Ethernet per un collegamento diretto tramite cavo e con le porte USB, potrai trovare anche le porte Gigabit che possiedono una velocità di trasferimento dati assai più elevata rispetto alle porte Ethernet il paragone non esiste infatti 1000 megabit a fronte dei tradizionali 100 megabit sono resi disponibili dalle porte Gigabit.

Va ricordato che tale velocità di trasferimento non influenza in alcun modo la velocità di navigazione.

Poi dovrai porti una domanda, prima di effettuare l’acquisto del modem router, qual’è la classe della WiFi che il modem può supportare?

Essendo tre le classi ognuna può supportare una diversa velocità di connessione massima:

  1. Classe B: supporta al livello massimo 11Mbps
  2. Classe G: giunge a supportare fino a 54Mbps
  3. Classe N: supporta fino a 300Mbps

Di conseguenza se ti affiderai ad un provider che ti garantisce una banda fino a 20Mbps farai attenzione a non comprare un router di classe B.

Modem e router: le differenze

Spesso si sente dire: “modem router” tutto attaccato pensando che tra l’una e l’altra parola non vi sia differenza, almeno per chi non le conosce, è bene spiegare che invece delle differenze esistono.

La parola Modem sta per: modulatore e demodulatore di informazioni, e vengono prese le prime tre lettere (MOD) dalla prima parola, e le prime tre lettere dalla seconda (DEM) tale nome indica il dispositivo elettronico che si connette ad internet attraverso la linea telefonica. Senza il modem non si ha nessuna possibilità di connetterti ad internet, quindi se avessi un router e non un modem non potresti connetterti a nulla.

Il modem converte un segnale digitale in analogico e lo invia attraverso il cavo telefonico. Poi lo riconverte in digitale e lo invia al computer connesso. Con il modem è possibile collegare solo un computer alla volta e su questa caratteristica entra in “azione” il router.

Quest’ultimo permette di collegare più computer sulla medesima rete, attraverso il cavo Ethernet, o attraverso WiFi se supporta tale funzione.

I router più diffusi possiedono 4 ingressi Ethernet, per cui su di essi potete collegare fino a 4 computer contemporaneamente attraverso l’impiego di un cavo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi