Come si ottiene un prestito INPDAP

mani denaroL’ex prestito INPDAP è un finanziamento che l’INPS concede a chiunque sia Iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie a sociali, questa iscrizione comporta il versamento, da parte del lavoratore, di una piccola percentuale del suo stipendio mensile. Per sopperire alle richieste di prestiti da parte dei lavoratori e pensionati pubblici l’INPS stanzia, ogni trimestre, una somma precisa di denaro.

Stato di servizio

Vediamo ora le condizioni del prestito INPDAP, o meglio ex INPDAP; il lavoratore pubblico, o il pensionato, deve essere iscritto alla gestione di cui sopra, inoltre deve essere in servizio da un certo periodo di tempo: sei mesi per i piccoli prestiti, 4 anni per i prestiti pluriennali. Durante questo periodo di tempo deve aver contribuito al fondo di gestione unitaria in modo regolare e costante. Possono accedere ai prestiti sia i lavoratori pubblici con contratto a tempo determinato, sia quelli con contratto a tempo indeterminato. Nel primo caso però il contratto deve avere una durata maggiore al periodo di restituzione del finanziamento. Nel caso dei prestiti pluriennali il contratto a tempo determinato deve essere di almeno 3 anni. Chi possiede questi requisiti può ottenere il credito, senza dover presentare ulteriori credenziali. Nel caso dei prestiti pluriennali però conviene ricordare che si tratta di finanziamenti finalizzati, quindi il richiedente è obbligato a dare una precisa motivazione delle voci di spesa per cui utilizzerà i soldi ricevuti.

Richiedere un prestito INPDAP

Fino ad alcuni anni fa era l’INPDAP che si preoccupava della gestione degli stipendi e delle pensioni dei lavoratori pubblici, oggi tale ente è stato assorbito dall’INPS, che ha mantenuto buona parte dei privilegi dell’ente precedente. La richiesta del prestito ex INPDAP da parte dei pensionati è abbastanza semplice, in quanto sono disponibili apposite pagine sul sito dell’ente stesso, dalle quali è possibile compilare la modulistica necessaria e richiedere il finanziamento. Per la compilazione dei moduli è possibile chiedere aiuto presso un CAAF, ma in genere tale sussidio non è essenziale. I lavoratori pubblici invece possono richiedere il finanziamento direttamente al dirigente dell’ufficio in cui operano. Conviene ricordare che il prestito INPDAP è garantito, chiunque lo richieda lo può ottenere, anche nel caso di protesti o di situazione creditizia non del tutto rosea. Nel caso in cui i fondi stanziati dall’INPS siano terminati, è prevista la preparazione di una lisa d’attesa per il trimestre successivo, che funziona con il criterio chi primo arriva riceve il finanziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *