Sicurezza: telecamere sempre più diffuse nelle nostre città

pordenoneIn Veneto è emergenza sicurezza. L’ultima città di provincia ad aver attirato su di sé le attenzioni del caso è stata quella di Pordenone, realtà nell’ambito della quale continuano a registrarsi innumerevoli episodi di violenza generalizzata e di attentato all’incolumità delle persone. Per questa ragione l’amministrazione intende lavorare per far sì che “la priorità sia quella di assicurare la videosorveglianza 24 ore su 24 quanto meno nei punti nevralgici della città: una decina di telecamere vetuste saranno sostituite lungo i principali quartieri di Pordenone”.

L’ultimo episodio criminoso che ha scatenato la miccia è avvenuto pochi giorni fa in quel di Piazza Risorgimento: alcuni immigrati si sono resi artefici di una rissa nell’ambito della quale sono volati pugni, calci e insulti. Il tutto è stato attentamente registrato da una telecamera del luogo le cui immagini, ora come ora, sono finite nelle mani delle Forze dell’Ordine: “Ci sono 52 telecamere attualmente attive – precisa l’assessore Bruno Zille – ma l’intenzione dell’amministrazione è in ogni caso quella di allargare le aree controllate alla cintura periferica. Per esempio in Largo Cervignano e zone affini: le intenzioni si misureranno poi con le reali possibilità economiche”.

Il piano di sicurezza attualmente al vaglio del governo cittadino verte su un unico grande obiettivo che è quello di dare vita dura a ladri e balordi di vario genere. Estendendo la rete di telecamere e sostituendo quelle che sono ormai considerabili osbolete, infatti, si mira a creare una rete di sicurezza molto più efficiente di adesso. La città prolifererà di telecamere che avranno il compito di stanare l’azione di ladri, teppisti e criminali vari.

E sono sempre più le famiglie che decidono di mettersi in sicurezza ancor prima di attendere che sia l’amministrazione comunale a muoversi. A tal proposito si vedano siti come ezdirect che stanno registrando un continuo incremento di vendite riguardanti telecamere di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi