Terna dirama dati su consumi energetici in Italia

Stando a quanto affermato negli ultimi giorni dall’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris, i consumi di energia elettrica sono in crescita in Italia e sono attesi in salita stabile fra l’1 per cento e il 2 per cento entro la fine dell’anno. La società, proprietaria della gran parte degli elettrodotti italiani, ha annunciato il proprio obiettivo di aumentare ancora gli investimenti, soprattutto in Italia, e non esclude di continuare a crescere attraverso nuove acquisizioni strategiche all’estero.

In tal senso, il manager ha poi aggiunto che il nuovo piano industriale di Terna, con orizzonte temporale di cinque anni, sarà presentato alla comunità finanziaria nel primo trimestre 2018.

Sempre in ambito di compagnie operanti nel settore energetico, rileviamo una interessante intervista all’amministratore delegato di Italgas, Gallo: secondo fonti di stampa (l’agenzia di stampa Reuters) la società avrebbe consegnato l’offerta per il rinnovo delle concessioni nel servizio di distribuzione del gas relativamente all’Atem di Belluno ed avrebbe confermato che entro fine settembre presenterà l’offerta vincolante per gli asset di Gas Natural in Italia.

Per quanto poi riguarda le altre notizie su società quotate delle ultime ore, altre fonti di stampa (sempre l’agenzia di stampa Reuters) affermano che le compagnie assicurative Allianz, Baloise Holding e il fondo di private equity Cinven starebbero definendo le offerte concorrenti per le attività in Belgio di Generali, in vista della scadenza fissata per l’8 settembre, per una operazione che potrebbe valere fino a 500 milioni di euro. Anche in questo caso, i prossimi giorni dovrebbero essere utili per poter chiarire alcuni aspetti legati alla vicenda, che potrebbe chiudersi formalmente nei tempi previsti. Vedremo dunque quali saranno le evoluzioni sul tema, e se ci saranno delle accelerazioni improvvise non attesa dalla comunità di analisti finanziari sulle società di cui oggi abbiamo riportato brevi cenni finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *