Zucchero, un uso eccessivo fa invecchiare il cervello

Secondo quanto emerge da una ricerca che ha prodotto due articoli sugli effetti delle bibite zuccherate e sulle diet, ad opera del Framingham Heart Study’s Offspring and Third Generation, nel Massachussetts (USA), consumare troppe bibite zuccherate produrrebbe un prematuro invecchiamento del cervello.

Lo studio è stato condotto su un campione di 4 mila persone sottoposte a risonanza magnetica e a test cognitivi. Dall’analisi è emerso che nelle persone che consumavano più di due bibite zuccherate al giorno, sarebbero stati trovati diversi segni di invecchiamento nel cervello, con volume ridotti, memoria peggiori, maggiori rischi di Alzheimer. Inoltre, i test hanno evidenziato come il volume del cervello era inferiore anche in chi consumava una bibita diet al giorno.

In aggiunta a questo primo studio, i ricercatori si sono focalizzati anche su pazienti che avevano già avuto un ictus o una diagnosi di demenza, analizzando quante bibite zuccherate e quante diet avessero bevuto tra il 1991 e il 2001, e verificando poi se nel decennio successivo c’erano stati episodi di queste malattie. Ebbene, rispetto a chi non assumeva bevande dietetiche, il rischio per chi ne consumava una o più al giorno è risultato essere tre volte maggiore, sia per quanto concerne la demenza sia per l’icuts.

Secondo gli studiosi, queste analisi sono in grado di dimostrare la presenza di una correlazione, ma non di un rapporto di cause ed effetto. Pertanto, l’appuntamento è – se così si può dire – rinviato alla prossima analisi: sebbene infatti ci sono diverse teorie sul possibile legame tra bibite diet e demenza, occorrono più ricerche per poter sancire qualche legame più significativo su quanto sopra abbiamo anticipato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *