Domande bizzarre al colloquio di lavoro: sapresti rispondere?

Colloquio-di-lavoroQuante volte hai affrontato un colloquio di lavoro, temendo la prova in lingua oppure dimostrandoti titubante sulle tue reali capacità? Sappiamo bene come sia importante fare bella figura in quei 15 minuti, e proprio per questo (almeno in apparenza) sembriamo pronti a rispondere a qualsiasi tipo di domanda. Ma è veramente così?

Già, perchè molti reclutatori delle più importanti multinazionali hanno posto delle domande alquanto bizzarre ai loro intervistati. In realtà (ed è bene specificarlo) non esiste una risposta corretta oppure sbagliata. Ciò che conta è mostrare di saper fronteggiare l’imprevisto.

Iniziamo, quindi, la nostra carrellata dedicata alle domande più assurde fatte in fase di colloquio di lavoro: il recruiter di Google, ad un candidato, ha posto un’insolita domanda, ovvero “Quante persone stanno usando Facebook a San Francisco alle 14.30 di venerdì?”. La posizione richiesta? Quella di Vendor Relationship Manager.

Ma questo è solo uno dei numerosi esempi disponibili: la catena di vendita di cibo biologico Trader Joe’s era alla ricerca di commessi per i loro negozi. Il recruiter, ai candidati, ha chiesto: Cosa ne pensi dei nani da giardino?”.

Pensate che sia assurdo? Allora, leggete le prossime domande: la Deloitte&Touche ai candidati analisti ha chiesto se “Mahatma Gandhi sarebbe riuscito a creare un buon software ingegneristico”. La catena di yogurterie Pinkberry, invece, ha fatto ai suoi possibili dipendenti la seguente domanda: “Stanza, scrivania, macchina: cosa pulisci prima?”

Insomma, le stranezze sono davvero tante. In fase di colloquio non esiste più il timore per una risposta sbagliata, oppure per un tono di voce troppo acceso. Ora, il vero problema, è riuscire a comprendere la domanda, e a trovare una soluzione rapida, immediata e che (soprattutto!) faccia colpo.

Situazioni come quelle descritte precedentemente non sono di certo inusuali. Tuttavia, rileggendole, fanno davvero sorridere: a voi è mai capitato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi